Gli hacker di Bitfinex si spostano ₿473 dopo l’offerta di scambio

Gli hacker di Bitfinex si spostano ₿473 dopo l’offerta di scambio

admin 19. August 2020
  • Gli hacker di Bitfinex hanno spostato ₿473 (5,8 milioni di dollari) dei fondi presi nell’hack del 2016
  • Lo scambio ha recentemente offerto incentivi finanziari fino a 400 milioni di dollari in caso di restituzione del Bitcoin rubato
  • Gli hacker della Bitfinex non hanno nulla da guadagnare e tutto da perdere accettando l’accordo, quindi la mossa non è probabilmente correlata

Gli hacker della Bitfinex hanno spostato oltre ₿473 (5,8 milioni di dollari) dal portafoglio associato all’hacker del 2016, due settimane dopo lo scambio hanno offerto incentivi agli hacker per la restituzione dei fondi.

Mentre alcuni potrebbero considerare questa mossa come la prima fase della restituzione dei fondi rubati, è più probabile che ci siano altre ragioni dietro la mossa, dato che gli hacker non hanno nulla da guadagnare e tutto da perdere accettando l’offerta di Bitfinex.

Bitfinex offre un’offerta di 400 milioni di dollari

Gli hacker di Bitfinex hanno preso lo scambio per ₿119.756 nell’agosto 2016, per un valore di oltre 72 milioni di dollari all’epoca. L’hacker ha fatto slittare il prezzo del Bitcoin del 16% e ci sono voluti tre anni prima che qualcuno fosse accusato del crimine; nel 2019 due fratelli israeliani, Eli e Assaf Gigi, sono stati arrestati per il loro coinvolgimento nel crimine.

Alcuni dei Immediate Edge rubati sono stati recuperati, ma la stragrande maggioranza è ancora in possesso degli hacker, il che ha portato Bitfinex a fare un’offerta straordinaria due settimane fa. Lo scambio ha offerto pubblicamente agli hacker fino a 400 milioni di dollari di incentivi finanziari per la restituzione del Bitcoin rimanente, che ora vale 1,344 miliardi di dollari (meno il recupero del 2019). L’accordo include anche una tassa di recupero del 5% per chiunque metta Bitfinex in contatto con gli hacker, qualora il contatto porti alla restituzione dei fondi.

Gli hacker Bitfinex non hanno alcun incentivo ad accettare

Non sorprende che gli hacker della Bitfinex non abbiano risposto a questo appello né per iscritto né con un atto. Ieri è stata la prima azione dopo la richiesta, con l’invio di ₿473 a portafogli sconosciuti attraverso due transazioni, ma è improbabile che ciò facesse parte di un piano per restituirlo.

Gli hacker di Bitfinex non hanno alcuna necessità reale di soddisfare la richiesta dello scambio. Gli analisti della catena di blocco sarebbero in grado di rintracciare qualsiasi gettone ricevuto come parte di un pacchetto di incentivi così come i fondi rubati, quindi non c’è ragione per cui gli hacker Bitfinex ridurrebbero volontariamente la loro partecipazione di circa due terzi se il risultato potesse essere lo stesso.

È improbabile quindi che il movimento di fondi di ieri fosse in anticipo rispetto alla restituzione dei fondi e che fosse più probabilmente preparatorio per incassarne un po‘, spostarli in un nuovo portafoglio o camuffarli attraverso un mixer Bitcoin.